OPERAI – Art. 8 – INTERRUZIONE DI LAVORO

In caso di interruzione temporanea del lavoro dovuta a motivi di forza maggiore che avvenga dopo l’inizio del turno di lavoro, e comunque quando l’operaio è già presente nello stabilimento per la prestazione del suo turno di lavoro, il turno stesso sarà considerato come prestato.

Per turni successivi le aziende corrisponderanno in via anticipata l’integrazione salariale disposta dalle leggi vigenti in materia.

La differenza fra la integrazione di legge e la retribuzione effettiva sarà corrisposta dall’azienda per un massimo di giorni 6 e recuperata a regime normale con un prolungamento dell’orario giornaliero per un massimo di un’ora.